Skip to content

Il Labirinto di Acirfass

24 novembre 2011

Ispirato dalla lettura di The Dungeon Alphabet, mi sono chiesto: come realizzare un sotterraneo zeppo di trappole, oggetti maledetti, fontane magiche, statue animate, mostri improbabili, ed eventualmente tesori inestimabili, che sia in qualche maniera anche coerente? Ecco la risposta.

Acirfass il Savio fu il mago più potente della sua Era: le arti magiche non sembravano avere segreti per lui. Molti dei grandi maghi di oggi, e molte delle scuole di magia note oggi, discendono direttamente da quelli che furono i suoi studenti. I suoi studi sui segreti dell’universo si estendevano oltre i piani e tra le dimensioni.

Da un’altra dimensione riuscì a trafugare un tomo speciale. Scritto in una lingua incomprensibile, era refrattario a qualunque tipo di magia di decifrazione. Ancor più intrigato, Acirfass decise di impegnarsi a comprenderne il contenuto anche senza l’aiuto della magia. La sua traduzione non fu però perfetta: e il suo Labirinto ne è la prova.

Il tomo, pur provenendo da un’altra dimensione, priva di magia, sembrava descrivere proprio il mondo di Acirfass, le sue razze, creature, divinità e magie. Inoltre, il libro sembrava descrivere un metodo per raggiungere il massimo livello di realizzazione di sé, uno stato di sapienza e potere in grado di alterare persino il proprio destino e quello del proprio mondo. Tale stato era chiamato, secondo la traduzione di Acirfass, “Signore del Labirinto“, e il metodo per raggiungerlo consisteva proprio nell’edificare un labirinto sotterraneo, allestito secondo le norme descritte nel libro: con trappole, tranelli, creature mostruose e ogni sorta di prova di astuzia, osservazione, fortuna.  Il sommo stregone non potè non raccogliere la sfida.

Questa è la storia che dà inizio all’edificazione del Labirinto: l’equivoco di un potente mago che interpreta male un Manuale del Master rubato a un’altra (la nostra) dimensione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: