Skip to content

In Principio era il 3d6 in Ordine

2 agosto 2013

Il metodo di generazione delle caratteristiche è uno dei punti chiave della creazione del personaggio, e il sistema che ciascun master decide di adottare dovrebbe dipendere da cosa vuole ottenere.

Tra i tanti possibili metodi pensati finora, mi sembra che si possano identificare due  estremi: da una parte l’originale “3d6 in ordine”, tipico delle edizioni più vecchie e dall’altra i sistemi “point buy”, in cui non si tira alcun dado e il giocatore assegna i punteggi che desidera, purché non “sfori il budget”.

A me non piacciono nessuno dei due estremi. La determinazione totalmente casuale del “3d6 in ordine” da una parte crea personaggi sempre diversi e unici, ma rischia quasi sempre di impedire al giocatore di giocare la classe che vorrebbe; i sistemi ad assegnazione di punti garantiscono al giocatore la possibilità di creare il personaggio che desidera, ma sfornano guerrieri tutti uguali, ladri tutti uguali, ecc.

Per questo ho cercato e continuo a cercare metodi che da una parte mantengano una buona dose di casualità ma che consentano al giocatore di ottenere punteggi accettabili per giocare la classe desiderata, il tutto possibilmente nella maniera più veloce ed elegante possibile.

Posso dire, dopo un anno di campagna, che la versione attuale delle house rules ha, su questo punto, clamorosamente fallito! Il metodo usato quest’anno infatti si è rivelato troppo lento e troppo sbilanciato e ha consentito di creare troppo spesso personaggi con punteggi straordinari.

Per questo da un po’ sto lavorando su un altro metodo, che vi propongo: eccolo.

Creazione del Personaggio

Scegli una razza e una classe tra le combinazioni consentite:

 

Umano

Elfo

Nano

Mezzuomo

Avventuriero

Guerriero

no

Mago

no

no

Mistico

no

no

no

Tira le Caratteristiche

Lancia 3d6 per ognuna delle quattro caratteristiche e segna i risultati nell’ordine (FOR, DES, INT, SPI).

Se non sei soddisfatto del risultato puoi

a) sostituire con un 13 il punteggio della caratteristica chiave della tua classe, oppure

b) sostituire con un 13 il punteggio della caratteristica chiave della tua razza, oppure

c) mantenere i punteggi tirati senza alcuna modifica e cambiare classe e/o razza

Classe

Caratteristica chiave

Razza

Caratteristica chiave

Avventuriero

Destrezza

Umano

Una a scelta

Guerriero

Forza

Nano

Forza

Mistico

Spirito

Elfo

Destrezza

Mago

Intelligenza

Mezzuomo

Spirito

Modificatori e Tabella del Destino

Calcola i modificatori: (punteggio/2)-5 come da Terza Edizione, e segnali sulla scheda.

Calcola la somma dei modificatori:

Se la somma è positiva, tira quel numero di volte (in valore assoluto) sulla tabella del Destino: ottieni un -1 a ciascuna statistica tirata.

Se la somma è negativa, tira quel numero di volte (in valore assoluto) sulla tabella del Destino: ottieni un +1 a ciascuna statistica tirata.

Segna sulla scheda i bonus o malus ottenuti.

Tabella del Destino: d10

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
CA TS Attacco in Mischia Attacco a Distenza Agilità Comunicazione Congegni Conoscenze Furtività Sopravvivenza

 Alcune note e considerazioni:

* Le combinazioni classe/razza consentite dipendono ovviamente dal setting e non sono il punto del discorso. Il punto è che il giocatore deve scegliere prima di tirare le caratteristiche.

* Le caratteristiche cui si fa riferimento sono le quattro anziché sei che usiamo ormai da due anni e che al nostro tavolo hanno funzionato pienamente: Forza, Destrezza, Intelligenza e Spirito.

* Il “13 d’ufficio” (ovvero un magro +1) nella caratteristica chiave può sembrare poco entusiasmante, ma nel contesto delle  house rules c’è la possibilità, con un tiro di dado, di aumentare una caratteristica a scelta a ogni nuovo livello, lanciando un d20 e ottenendo un numero maggiore del punteggio attuale.

* I vari +1 e -1 alle statistiche secondarie possono sembrare molto pesanti, ma se paragonati con i modificatori delle caratteristiche, il loro impatto complessivo è decisamente minore. Mi spiego meglio: un +1 o -1 alla CA può sembrare molto, ma è in realtà meno significativo di un +1 o -1 di modificatore di Destrezza, che di fatto modifica: CA, attacco a distanza, prove di abilità e Tiri Salvezza!

* I risultati da 6 a 10 nella “Tabella del Destino” sono le sei macro abilità che uso nelle house rules.

* Gli umani hanno una piccola finestra di “min/maxing” (possono prendere un “13 d’ufficio” in una caratteristica a scelta) controbilanciata dalle abilità speciali dei semiumani, che non ho riportato qui.

I punti di forza di questo metodo, per i miei gusti, sono:

* Le caratteristiche si tirano una sola volta: non ci sono somme da fare e tiri da ripetere

* Nessun personaggio nasce “min/maxato”, anzi è molto difficile avere caratteristiche secondarie ottimali

* Avere un 18 ritorna a essere molto improbabile: o lo ottieni con i tre dadi, o niente (a meno che non ci arrivi giocando)

* Anche tirando solo 4 caratteristiche principali, i personaggi nascono ben differenziati grazie ai piccoli modificatori secondari

* Il “13 d’ufficio” non sarà molto elegante ma vince per velocità su ogni altro sistema cervellotico

* Le differenze tra le razze, anziché essere rappresentate da modificatori come nella Terza, o da punteggi minimi come nelle edizioni classiche, si presentano sotto forma di frequenza statistica. Facciamo un esempio: decido di creare un Nano Avventuriero. Lancio i dadi e le caratteristiche che ottengo sono: For 8, Des 14, Int 7, Spi 11. Poiché ho già ottenuto un 14 nella caratteristica chiave della classe, posso sfruttare la razza per sostituire l’8 di Forza con un 13. In fondo la maggior parte dei nani sono gente robusta!

11 commenti leave one →
  1. 2 agosto 2013 11:24

    Mi piace il tiro del destino (però potevi usare un d12! che è sto d10? al rogo!

    non mi è chiaro se il tiro del destino lo fanno tutti i personaggi o solo quelli che hanno modificato i risultati del 3d6….

    anche se anche se, così facendo di fatto medizzi tutti i personaggi (ok ho +1 in forza ma -1 per colpire???? ho +2 in Spirito ma -1 ai tiri salvezza e -1 per colpire????), magari userei una tabella modificata e farei aggiungere un tiro positivo ed 1 negativo o anche 2 e 2 oltre alle caratteristiche per generare ancora più variabilità e rappresentare un po’ le predisposizioni del personaggio🙂

    • 2 agosto 2013 12:25

      A essere precisi, non tutti i personaggi tirano sulla Tabella del Destino: solo quelli i cui modificatori sommati danno un numero diverso da zero. Se sommando i modificatori ottieni, per esempio, +2, allora tirerai due volte e otterrai due -1 secondari. Se invece la somma è -2, tirerai per ottenere due +1.
      Il caso che citi come esempio (+1 in Forza ma -1 a colpire che lo annulla) capisco che può suonare orribile, ma il +1 in Forza si applica comunque ancora ai danni in mischia, ai punti ferita e ad alcuni Tiri Salvezza. Semplicemente, invece di godere di quel +1 di forza su tutta la linea, lo perdi su uno solo dei tiri che ne sono di solito modificati.

      • 2 agosto 2013 15:14

        si certo è cmq una medianizzazione, carino però🙂

        • 3 agosto 2013 13:22

          Sì, l’intento è anche di “peggiorare un po’” i personaggi che hanno tirato buone stats, e di migliorare un po’ quelli con stats negative. Questo anche perché il contesto (mostri, oggetti, magie) che uso è quello di Labyrinth Lord, ma i modificatori che uso sono quelli, ben più alti, della Terza, e quindi ritengo sia utile mitigarne l’impatto.

  2. 2 agosto 2013 20:47

    ps il clone “3d6 in order” è uno degli ultimi che ho preso🙂

  3. Morgan permalink
    3 agosto 2013 15:27

    Addio personaggi leggendari!😀

    Mi piace questo nuovo sistema, sembra ben bilanciato! Sono curioso di vedere quali vantaggi comportano le razze dei non umani… le modifiche sembrano sostanziose🙂

    • 3 agosto 2013 17:10

      Ora devo solo trovare un modo di fare morire Lio!😀

      • Morgan permalink
        3 agosto 2013 23:04

        Facile: basta fa un bel reboot generale e via tutti con personaggi nuovi!😀

  4. 12 agosto 2013 17:38

    Acc, manco due settimane ed ecco che già si parla di uccidermi il pg!😛
    Tornando in argomento:
    PRO:
    -Facile e veloce (nessuna necessità di rilanci)
    CONTRO:
    -La tabella del destino potrebbe non essere sufficiente a migliorare personaggi particolarmente sfigati (anche se è tutto da vedere).

  5. Alon Padisha permalink
    19 agosto 2013 15:12

    secondo me è davvero un ottimo modo di generare le caratteristiche, personalmente dopo anni di uso 4d6 scarta il più basso e distribuisci a piacere, ho rivalutato il lancio di 3d6 in ordine (opzionalmente scambiando tra loro 2 punteggi e basta) per i motivi che esponevi tu. Lo userò nella mia prossima campagna (labyrinth lord o S&W conditi con qualche house rules di provenienza mia o terre tormentate) ma con questi modificatori
    3-6 -1
    7-14 0
    15-18 +1
    perchè così non sarà così grave la sfiga di tirare dei punteggi bassi: (ma non sarà nemmeno una passeggiata se si incontra il non-morto che li risucchia… )

    • 19 agosto 2013 18:44

      Sono contento ti sia piaciuto questo sistema! Anch’io ho considerato per parecchio tempo di adottare modificatori molto più leggeri, e in generale penso sia un sistema con indiscutibili vantaggi. Nel contesto delle altre regole della casa che ho deciso di usare, però, purtroppo non poteva funzionare…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: